Il sistema immunitario ha lo compito di difendere il nostro organismo da qualsiasi offesa al suo normale funzionamento. Si tratta di un sistema molto complesso, che in parte è innato e in parte si sviluppa ed evolve durante la vita, principalmente nei primi anni. Il suo buon funzionamento è importante per una vita sana e dipende da numerosi fattori. Buona parte di questi fattori sono legati al nostro stile di vita. Sta nelle nostre mani quindi il farlo funzionare al meglio. In questo articolo vogliamo parlare brevemente di alcuni aspetti importanti per mantenerlo in salute, soprattutto quelli poco considerati.

La motivazione

motivazione

Il successo di tutto quello che facciamo dipende in buona misura dalla nostra motivazione. Quando siamo poco motivati è difficile che riusciamo a ottenere dei risultati. Questo vale anche per il sistema immunitario. Per quanto possa sembrare strano, i nostri pensieri, emozioni, convinzioni e atteggiamenti, sia consci che inconsci, determinano la motivazione del nostro sistema immunitario. Ti sei mai chiesto quanto sei motivato a difendere il tuo organismo da possibili aggressioni?
Pensiamo per esempio a un momento in cui ci siamo sentiti giù, demotivati e senza voglia di vivere. A quelle circostanze il nostro corpo reagisce, si adegua, sparisce il sorriso, ci sentiamo più pesanti e i processi fisiologici rallentano, compreso quelli del sistema immunitario. Così calano le difese e rallenta l'eliminazione delle tossine. Queste si accumulano nell'organismo e, di conseguenza, alcuni organi o processi non funzionano più a dovere.
Al contrario, quando siamo felicemente innamorati difficilmente ci ammaliamo, anzi, spesso spariscono i piccoli disturbi che abbiamo.

La felicità porta a far funzionare meglio tutto il nostro organismo, compreso le difese. Perciò fare cose che ci portano felicità duratura è un ottimo modo per far funzionare bene il sistema immunitario. Amare, sentirsi realizzati e seguire i propri ideali con coerenza, specialmente quando sono dettati da una visione spirituale della vita, porta verso la felicità.

Trovare un equilibrio è importante nella vita e questo vale anche per le difese. Spesso sono le nostre convinzioni, anche inconsce, che portano a uno squilibrio del sistema immunitario, sia in difetto che in eccesso. Quando nella vita quotidiana permettiamo che gli altri invadano il nostro spazio, oppure quando reagiamo subito con aggressività, anche il sistema immunitario si adegua a questo modo di reagire.
Nella cultura cristiana siamo cresciuti con un'interpretazione errata del “porgere l'altra guancia”. Ai tempi di Gesù i padroni colpivano gli schiavi con il dorso della mano per non sporcarsi il palmo, perciò, con la mano destra, potevano picchiare solo la guancia destra. Porgere la guancia sinistra rendeva impossibile colpire con il dorso. Era un'interruzione di un comportamento rituale che mandava in corto circuito la spirale di violenza, un ottimo modo per difendersi in modo non violento.
Quando difendiamo con determinazione ed equilibrio il nostro spazio sacro e le nostre legittime esigenze e ideali, anche il sistema immunitario ci difenderà con la stessa determinazione.

Ma come facciamo a impararlo? In questo ci viene in aiuto lo Spirito del Noce. Il Noce è una pianta che come poche altre difende il suo spazio, sotto e sopra terra. Lo fa senza aggredire, producendo sostanze che sono sgradite alle altre piante e agli insetti. Perciò ci insegna a dire con forza un bel "no!" quando qualcuno o qualcosa invade il nostro spazio.
Lo Spirito del Noce aiuta ad affrontare senza paura i nostri lati oscuri, tutto ciò che non accettiamo di noi. Il nostro subconscio capisce quando non accettiamo una nostra parte, e questo lo potrebbe portare a indirizzare il sistema immunitario in quella direzione, cioè ad aggredire alcune parti del corpo, come succede nelle malattie autoimmuni. Inoltre il Noce aita a integrare la parte più istintiva di noi esseri umani, che nella vita ha una grande importanza. Nella nostra società, ormai lontanissima dalla Natura, diventa molto difficile vivere in equilibrio la nostra parte istintiva, anche perché viene frequentemente additata come qualcosa di brutto, che va soppresso. Integrare queste parti toglie invece tensioni e scaccia le convinzioni di essere inadeguati o sporchi.

Le vaccinazioni

vaccinazioni

Quando si parla di sistema immunitario non si può non parlare di vaccinazioni. Festeggiate come grande conquista per rinforzare il sistema immunitario in modo semplice, efficace e senza gli effetti collaterali di un farmaco, le vaccinazioni ben presto hanno mostrato ai medici attenti e senza pregiudizi che la realtà è un'altra. Ormai numerosi tribunali in vari paesi occidentali hanno riconosciuti numerosi casi di effetti collaterali gravi e anche mortali. Questo dovrebbe bastare per ripensare la pratica vaccinale, che sacrifica bambini sani per cercare di salvare bambini con un sistema immunitario inadeguato per merito di un ipotetico “effetto gregge”, mai dimostrato scientificamente.
Poco si parla dell'effetto negativo che hanno le vaccinazioni sullo sviluppo armonico del sistema immunitario del bambino. Se da una parte rinforzano l'immunità specifica, dall'altra indeboliscono le difese non specifiche, quelle che devono difendere l'organismo dalla maggioranza dei germi con cui veniamo a contatto. Specialmente se effettuati nei primi mesi di vita, quando il sistema immunitario è in via di formazione e apprendimento. A un medico attento non dovrebbe sfuggire che i bambini non vaccinati si ammalano molto meno dei bambini vaccinati.
A differenza dei medici, molte mamme si accorgono che i bambini dopo la vaccinazione non sono più gli stessi, stanno male e hanno problemi a dormire, meno appetito e si ammalano di frequente. Purtroppo, gran parte dei pediatri di fronte al racconto delle mamme, anche di disturbi gravi, rispondono: “impossibile, le vaccinazioni non c'entrano niente”. Mi auguro che sempre più mamme diano più importanza alle loro osservazioni e all'istinto, piuttosto che alla cieca dottrina medica.

Fiducia nella Natura

La pratica vaccinale dimostra la lontananza dell'uomo dalla Natura, un'umanità che pensa di poter vivere scollegata da lei e, per paura o arroganz,a pensa di riuscire a migliorare quello che Madre Natura ha perfezionato in milioni di anni. Il sistema immunitario funziona alla perfezione se lo mettiamo nelle condizioni di farlo. Credi veramente che iniettando milioni di germi, insieme a un cocktail di tossine di ogni tipo, si possa migliorare la salute? Non sarebbe più lungimiranti avere piena fiducia nella Natura e creare le condizioni per far sì che il sistema immunitario possa svolgere al meglio le sue funzioni?
La perfezione delle Natura, anche riguardo al sistema immunitario, è sotto gli occhi di chi vuol vedere. La Natura ha trovato un modo di riconoscere e difendersi da ogni tipo di virus, l'uomo non riesce nemmeno a proteggere efficacemente un computer dai virus. E noi pensiamo di poter far meglio della Natura? Guardiamo meglio la sua perfezione.
Dopo la nascita il sistema immunitario non produce ancora anticorpi e deve imparare a farlo. Tuttavia l'organismo è protetto perché ha ricevuto gli anticorpi della madre durante la gravidanza e continua a riceverli tramite il latte materno. Poi, entrando in contatto con i vari germi, impara a produrli. Sono proprio le malattie infantili che hanno un importante ruolo in questo, ma anche nello sviluppo caratteriale del bambino. Una sana igiene limita il contatto con i germi, perciò dà alle difese il modo di allenarsi senza rischiare grosso, mentre la mania di sterilizzare tutto impedisce la crescita del del sistema immunitario!

Alimentazione

alimentazione

Per tre motivi l'alimentazione ha una grande importanza per il buon funzionamento del sistema immunitario: l'apporto di vitamine e minerali, l'influenza sulla flora intestinale e la quantità di energia vitale.
Per difendersi l'organismo ha bisogno di vitamine, minerali e oligoelementi, in particolarmente vitamina C, zinco, manganese e rame. Perciò è importante mangiare una sufficiente quantità di alimenti che li contengono, in particolare nei mesi invernali, in cui il sistema immunitario deve lavorare di più. Quando la dieta per qualche motivo non soddisfa il fabbisogno è consigliabile un'integrazione. Possono essere estratti di verdura e frutta, oppure integratori di vitamine e minerali di origine naturale, come Alen.
La trasformazione e l'assimilazione delle sostanze nutritive e vitali dipende in larga parte dalla flora intestinale. Perciò è importante che abbia un equilibrio utile alla salute, e questo dipende anche dal tipo di alimentazione. Esistono centinaia di teorie alimentari e non è facile orientarsi. Ma non abbiamo bisogno di teorie, la perfezione della Natura si manifesta anche nel fatto che il nostro corpo ci segnala di cosa ha bisogno. La nostra mucca Shakira, quando aveva un grave meteorismo, mangiava erbe digestive che in altri momenti non avrebbe mai toccato, come l'Artemisia, e guariva.

Impariamo di ascoltare il nostro corpo, i segnali che ci invia, e poi chiediamoci quale alimento non elaborato riuscirebbe a soddisfare la sua richiesta.
Ormai dovrebbero sapere tutti che troppo zucchero, in particolare se raffinato, fa male alla salute. Alloro perché spesso le persone che già abusano dello zucchero sentono la voglia di dolce? In parte perché lo zucchero è una droga che crea dipendenza. Ma c'è un altro motivo. In che modo il corpo ci può segnalare che ha bisogno di vitamine? In Natura dove le troviamo in abbondanza? Nei frutti e nelle bacche che, a piena maturazione, sono dolci. Perciò la voglia di dolci può essere una richiesta di mangiare frutta. Soddisfarla con lo zucchero raffinato, che brucia vitamine, peggiora solo la situazione e crea un circolo vizioso.

Quando si perde l'equilibrio della flora intestinale si moltiplicano microorganismi che producono tossine. Lo zucchero porta a facili fermentazioni che alterano l'equilibrio, come fa il consumo di latte e latticini in carenza degli enzimi necessari. Le tossine vanno in circolazione e devono essere espulse dal sistema immunitario, appesantendo il suo lavoro. Se non riesce a espellere tutte le tossine, queste si accumulano nell'organismo causando nel tempo problemi cronici nei punti di accumulo. In alcune persone il corpo immagazzina le tossine nel tessuto grasso e, per poterlo fare, aumenta la massa grassa. In caso di flora intestinale squilibrata si può assumere Microorganismi effettivi insieme al gemmoderivato Juglans regia per favorire il suo riequilibrio. Oppure, in persone molto controllate e poco spontanee e che temono di guardarsi dentro, può aiutare anche lo Spirito del Noce.

Il terzo aspetto dell'alimentazione riguarda l'energia vitale di alimenti e bevande. La nostra energia vitale determina con quanta forza agisce il sistema immunitario. Se abbiamo poca energia la sua reazione è debole. Per questo è essenziale mangiare e bere prodotti di alta qualità energetica, oppure vitalizzarli prima del consumo. Per migliorare la qualità energetica possiamo inviare pensieri positivi di amore e gratitudine a quello che mangiamo o beviamo. Prova, funziona e tutto diventa più digeribile. È disponibile anche Vivalacqua card, studiata appositamente per caricare energeticamente alimenti, bevande e altro.

Passeggiate nella Natura

Ormai esistono numerosi studi che dimostrano che passeggiare in Natura, e in particolare nei boschi, migliora l'efficacia del sistema immunitario. In Giappone i medici prescrivano “bagni nella foresta” come terapia per svariati disturbi. L'ideale sarebbe una pratica giornaliera, ma anche una volta la settimana procura già effetti positivi. Non è solo l'aria del bosco carica di terpeni e altre sostanze utili, ma anche l'energia che emanano gli alberi, in particolare se si tratta di grandi esemplari. Un bagno nella foresta toglie lo stress, rilassa, ma, più che altro, permette di collegarsi di nuovo con le proprie origini, con la Natura di cui noi siamo parte integrante.

L'aiuto delle piante

aiuto_piante

Quando abbiamo bisogno di rinforzare il nostro sistema immunitario possiamo chiedere aiuta alle erbe per stimolarlo in vari modi:

La miscela di gemmoderivati Difese è un ottimo stimolante del sistema immunitario; aiuta a prepararlo all'inverno oppure a rinforzarlo dopo una malattia o dopo l'assunzione di un antibiotico. In quest'ultimo caso consigliamo di associare Juglans regia per riequilibrare anche la flora intestinale. L'azione di Difese è completa grazie alla sua equilibrata composizione. Ribes nigrum stimola la corteccia surrenale, ha un'azione corroborante e immunostimolante.
Rosa canina fortifica le difese e migliora l'assimilazione e il metabolismo delle vitamine.
Abies pectinata migliora l'assimilazione e il metabolismo dei minerali.
Betula verrucosa gemme possiede un'azione tonico-stimolante sul sistema immunitario e il metabolismo minerale.
Fagus sylvatica sostiene la produzione di macrofagi.
L'estratto idroalcolico di Echinacea è un ottimo stimolante del sistema immunitario. Può essere usato a lungo termine per rinforzare il sistema immunitario durante il periodo invernale, ma può essere utilizzato anche a un dosaggio più alto, nei momenti di massimo bisogno. In quest'ultimo caso possono essere presi in considerazione anche l'Echinabiocitrus, Inflù, Inflù plus e, con le dovute precauzioni, gli oli essenziali di Tea tree, Eucalipto, Timo, Echinacea e Issopo.

di Hubert Bosch