Le manifestazioni a carico del respiro parlano di come viviamo l’inesorabile destino di interdipendenza tra noi e l’altro. Le più comuni (tosse, dispnea, raffreddore, mal di gola, asma) possono servirci a far luce su cosa ostacola questo scambio equilibrato tra dare e ricevere, su cosa ci urta, ci intrappola, ci soffoca, o da cosa dipendiamo. Tristezza, paura, abbandono, lutto se protratti a lungo o vissuti in solitudine, scaricano l’energia del polmone e del cuore, indebolendo la nostra connessione alla vita. Rabbia, intolleranza, desideri inespressi o altri stati d’animo, se non verbalizzati, prenderanno corpo attraverso allergie respiratorie, tosse stizzosa, mal di gola, asma, etc.

La guarigione è connessa alla capacità di rimettere la nostra essenza al suo posto, sperimentando il valore individuale, la relazione d’amore che ognuno può vivere con sé stesso e con l’altro, manifestando la nostra verità senza timore di quella altrui.

NASO

Il naso è strettamente legato al fiuto, ma esprime anche il rapporto con il potere, l’orgoglio e la sessualità. L’olfatto è il primo senso che ci collega alla mamma e da più grandi ci guida nelle scelte di persone e ambienti e ci fa assaporare il gusto della vita. Il collegamento tra il naso e l’istinto ci ricorda modi di dire come “aver naso” o “andare a naso”. In effetti le affezioni del naso sono legate a questi temi.

Raffreddore e Rinite

Il Raffreddore segnala che il fuoco dell’entusiasmo si è spento. Può esprimere un bisogno di elaborare dei conflitti, di stare da solo e tenere lontani gli altri. La rinite è spesso di origine allergica, cioè una reazione di difesa esagerata o di aggressione. Se è legato ai pollini riguarda la sfera sessuale; se alla polvere il rapporto con lo sporco. Il tema è quello della fiducia in noi stessi e nell’altro: respirare amore a prescindere dall’altro e dall’esterno.

Sinusite

Quando il raffreddore passa all’infiammazione dei seni paranasali si chiude il naso e la congestione si trasforma in dolore nella zona interessata. Ci turiamo il naso perché non riusciamo più a sopportare una situazione. Sono infiammati i cuscini d’aria del naso, indicando che ci manca l’ariosità. Se il dolore è situato all’altezza della mascella superiore è legato all’espressione del nostro potere e al rapporto con l’aggressività. Quando si manifesta nella fronte segnala che dobbiamo liberare la testa, oppure dare il giusto spazio alla sfera spirituale.

GOLA

La gola è la porta del nostro organismo con la funzione di controllare e filtrare quello che può entrare e di dare voce a sentimenti, emozioni e pensieri. Le affezioni della gola sono perciò legate alla difesa del mondo interiore da influenze e aggressioni esterne, nonché alla difficoltà di comunicare, condividere ed esprimere il proprio mondo interiore.

Tonsillite

Quando si infiammano le tonsille il corpo segnala che ci sentiamo invasi, abbiamo difficoltà a difendere la nostra integrità e ci facciamo invadere da qualcuno o qualcosa.

Faringite

Nella faringe passano sia l’aria che il cibo che vengono incanalati dall’epiglottide verso la laringe nell’esofago attraverso l’atto di deglutire. È facile immaginare come la faringite sia legata all’ingoiare, incorporare. Può segnalare una difficoltà di mandare giù qualcosa (“andare di traverso”), ma anche avidità o un eccessivo bisogno di inghiottire, di accumulare.

Laringite

Quando è infiammata la laringe sono di solito coinvolte le corde vocali. Raucedine e afonia sono i tipici sintomi che denotano la difficoltà di dire quello che vorremmo dire, di esprimere sentimenti ed emozioni e di cantare la gioia della vita.

 

BRONCHI E POLMONI

I bronchi sono i rami dell’albero respiratorio che costituiscono il collegamento tra dentro e fuori. Rappresentano la parte più passiva dello scambio che avviene tramite la respirazione. Lo scambio vero e proprio avviene nei polmoni. Ci sentiamo liberi quando il respiro fluisce armonicamente e senza sforzo. Problemi a bronchi e polmoni simboleggiano uno squilibrio nello scambio tra il mondo interiore e quello esteriore.

Tosse

La tosse è un atto di difesa dell’organismo e serve a espellere dalle vie respiratorie particelle estranee o irritanti, l’eccesso di secrezioni e microbi. La tosse si attiva di solito quando gli altri sistemi di difesa non sono riusciti ad arginare i problemi. Così l’organismo ricorre a un meccanismo più aggressivo che coinvolge tutto il sistema respiratorio. Con la tosse l’organismo ci fa notare che abbiamo tollerato per troppo tempo cose che ci irritano, incorporato insofferenza, stizza, rabbia o aggressività e ci chiede di buttarle fuori con forza. Nei bambini la tosse è spesso segno che si sentono troppo controllati.

Pertosse

La pertosse è legata, come tutte le malattie infettive, allo sviluppo della personalità del bambino. In effetti possiamo notare che dopo la pertosse i bambini cambiano carattere. Rinforza la volontà, l’attitudine di affrontare la vita e di tirare fuori una sana aggressività che aiuta a difendere i propri confini.

Asma

L’asma impedisce il libero fluire del respiro e perciò della forza vitale, tanto che produce una sensazione di soffocamento e di dover morire. È un segno molto forte che lo scambio tra il mondo interiore e quello esteriore, tra l’io e il non io, è disturbato, anzi a tratti proprio non funziona più. Generalmente significa che vi è in atto un forte squilibrio tra il dare e il ricevere.

Bronchite

I bronchi sono le vie di collegamento del polmone con il mondo esterno. Quando sono infiammati ci vogliono dire che i nostri canali di comunicazione sono ostruiti. Ciò potrebbe essere legato a conflitti non disputati, a critiche trattenute oppure a mancata comunicazione con il mondo spirituale.

Polmonite

Essendo un organo di libero scambio, le affezioni del polmone palesano che lo scambio naturale con il mondo esterno non fluisce più liberamente. Di solito si tratta di un conflitto forte che non può più essere nascosto, e potrebbe riguardare la propria libertà, il riconoscimento, la delimitazione e la difesa del proprio spazio, la difficoltà di selezionare quello che viene dall’esterno e incorporare solo quello che è utile.

 

 

 

Tratto dal quaderno di frontiera "Respiro bene - Prevenire e curare in modo naturale i disturbi dell'apparato respiratorio" di Hubert Bösch, Lucilla Satanassi, Rosa Massari, Salvatore Satanassi, Humusedizioni 2020