"Con me semini la purezza della bianca neve, benessere al respiro, protezione ai polmoni, difesa verso il freddo umido.

Il mio augurio è di purezza e chiarezza di pensiero."

  

Tra le Labiate vi sono piante officinali molto conosciute come Lavanda, Salvia, Rosmarino, Timo e Santoreggia ma vi è anche l’Issopo (Hissopus officinalis) che appare sempre più misterioso e meno esaltato delle prime.
In realtà si tratta di una pianta che in passato era molto considerata ed era associata alla purificazione. Nell’antichità ebraica infatti lo si ritrova in un salmo penitenziale “aspergimi di Issopo e sarò mondo” (Salmo L.9), in quanto considerato capace di curare la lebbra. Si evince che era presente anche in aceti aromatizzati o enoliti per allontanare pidocchi, purificare e disinfettare esternamente, oppure ad uso interno per eliminare vermi e purificare il sistema digestivo; veniva inoltre usato a livello respiratorio nell’asma o nelle bronchiti in virtù dei suoi noti effetti balsamici ed antivirali. 

L'olio essenziale

L’olio essenziale che se ne ricava dalla distillazione moderna è un potente concentrato dal gradevole ed aromatico profumo che riassume in sè proprietà molto interessanti, utili nell’aromaterapia per agire sulla loggia metallo della medicina cinese che fa riferimento a polmone, intestino e pelle. Effettivamente l’olio essenziale di Issopo tonifica il qi del polmone e questo contribuisce ad eliminare il freddo-umido, con riferimento a catarro e muco. Tonificare il qi del polmone corrisponde ad aumentare la resistenza ai fattori patogeni esterni mentre al contrario il freddo potrebbe entrare creando i disagi che conosciamo.

Spesso diamo la colpa ad un'ariata, ma all'origine vi è sempre un qi debole a livello del polmone, mentre se il qi è fortificato, l’ariata ed il freddo non possono fare nulla. Questo piccolo esempio vuole raccontare come l’Issopo, secondo la medicina cinese, possa essere importante per respirare bene proprio perché permette al polmone di svolgere al meglio la sua funzione evitando malanni, riequilibrando la funzione energetica del respiro. L’Issopo è anche un ottimo tonico e può essere usato nelle convalescenze favorendo l’appetito e riducendo la debolezza.

Se l’Issopo ci aiuta nel respiro, pare che allora non abbia nulla da invidiare alle altre labiate!

L'idrolato

L’idrolato assolve, seppur più blandamente, le funzioni dell’olio essenziale ma può essere usato con una maggiore disinvoltura specie per uso orale dimostrandosi utile in varie situazioni, come per favorire la digestione.

Per la pelle si dimostra un vero elisir! E' particolarmente apprezzato come tonico specie per le pelli miste, impure, infiammate ed acneiche ed è ottimo come dopo barba.

Lo sai che...

Lo sapevi che questa pianta può essere impiegata anche ad uso alimentare?
E' molto utilizzata come erba aromatica per donare ai piatti un sapore originale, specialmente a minestre e insalate. Il suo gusto amarognolo può ricordare la menta.
Un secondo uso vede protagonisti gli estratti e l’olio essenziale di Issopo, i quali vengono aggiunti alla preparazione di liquori e amari!

Insomma, giorno dopo giorno scopriamo che ogni pianta ha grandi virtù e grandi storie, pronte ad essere svelate e conosciute facilmente... facile come respirare!

Di Salvatore Satanassi