La funzione del sole primaverile

Il sole primaverile, come molti di voi avranno intuito dai precedenti articoli degli anni passati, è la vera porta di accesso all’abbronzatura consapevole.
I primi raggi solari facilitano l’opera di rinascita, la pulizia e l’eliminazione, stimolandoci a uscire dalla fredda stagione introspettiva e a lasciarci alle spalle pesantezza e grandi abbuffate.
Prevenzione” significa anche alleggerire l'agenda da qualche impegno, per poter passare più tempo all’aria aperta, al sole.
Esporsi ai raggi del sole primaverile significa creare il futuro scudo di luce per la nostra pelle. Essere lungimiranti e “raccoglierlo” significa fornirsi di quell’ingrediente prezioso che favorirà la produzione anticipata di melanociti e melanogenesi (abbronzatura) e, come accade in ogni buon lavoro cominciato per tempo, non solo ci porterà dritti dritti verso una tintarella duratura e “invidiabile”, ma saremo anche al riparo da spiacevoli danni da abbronzatura. Possiamo cominiciare la preparazione all’esposizione solare integrando la nostra routine con alcuni rimedi che si prendono cura della pelle sia dall'interno che dall'esterno.

Rimedi utili: Gemmoderivati e Acque aromatiche

L'Acqua: il rimedio happy age per eccellenza.
Siamo stati educati a pensare, specie in materia di pelle, ai soli rimedi ad uso esterno e dimentichiamo spesso l'importanza di nutrire anche dall'interno la nostra pelle e il nostro sistema, così che possano essere in grado di gestire al meglio rischi e vantaggi dell'esposizione al sole.
Tra le acque più vitali, uniche e preziose che la natura ci offre da bere e da spruzzare sul corpo vi sono le acque aromatiche. Esse hanno registrato all'interno delle proprie molecole i talenti e le doti delle piante da cui le acque vengono estratte attraverso il processo di distillazione per corrente di vapore.
Il loro messaggio è destinato non solo alla nostra pelle e al corpo, ma crea anche positive risonanze nei nostri centri energetici (chakra). 
Le piante, durante la distillazione, distribuiscono i loro principi attivi liposolubili e idrosolubili nel vapore acqueo, che poi ricondensa e viene raccolto per dare vita all'idrolato. Ogni pianta subisce l'influenza di uno o più pianeti, come insegna la tradizione Caldea a cui Remedia si ispira per estrarre il meglio di tutti i corpi delle piante dai più fisici ai più animici. Ogni preparato a Remedia diventa la sublimazione dell'essenza vitale.

Acqua_sole

Ogni acqua aromatica diviene un fluido che entra in risonanza con i nostri corpi e arriva dove è necessario che l'energia riprenda a fluire. Alla base dell'azione che i Rimedi hanno sul corpo vi sono due concetti cardine: memoria dell'acqua (Hemoto) e vibrazione che modifica lo stato della materia nel corpo (Sheldrake). L'acqua informata comunica con le nostra acque cellulari e l'intero sistema regisce e risponde. Grazie alla distillazione l'informazione contenuta nella materia vegetale passa nell'acqua, che è come un nastro sul quale vengono registrate le indicaizoni energetiche come fanno i fiori, affinché anche la nostra bellezza possa arricchire il creato ed entrare nei cuori altrui.


Tra le acque aromatiche per la stagione calda o in prepazione ad essa prediligerei Camomilla, Carota, Lavanda che chiarificano e calmano il fuoco di fegato e cuore che divampa sulla pelle. Elicriso quando si aggiunge la componente allergica. Maggiorana che abbassa lo yang del fegato quando tende a salire, apportando calore e secchezza nel tratto gastrointestinale. Melissa, Menta e Rosa ottime per purificare il calore che genera agitazione nervosa. Un cucchiaio di acqua aromatica è sufficiente per un litro di buona acqua.

camomilla


Tra i gemmoderivati consiglio una miscela composta da Malus domestica, Rosa canina, Populus nigra, Ribes nigrum, Cedrus libani, Ficus carica, Calluna vulgaris, Hippophae rhamnoides.
Ricchi in carotenoidi e vitamine A,B,E,C apportano oligoelementi quali zinco, manganese, magnesio, ferro, flavonoidi e acidi grassi insaturi: aumentano la resistenza al calore, rallentano i processi di invecchiamento cutaneo, prevenengono eritemi, eczemi e allergie solari, riducono la perossidazione lipidica e i radicali liberi prevenendo l'insorgere di macchie cutanee o fenomeni degenerativi e ritardando l’insorgenza di rughe, perché preservano il deterioramento delle cellule staminali epiteliali dell’epidermide.

...e per preparare la pelle all'esposizione solare non dimentichiamo l'importanza dello scrub!
Solaris ci aiuta a rimuovere gli strati di cellule inerti e quei ristagni di umori che impediscono all'epidermide di respirare il sole pienamente con gioia e creano quella "patina" di pesantezza sul nostro manto dermico.

I filtri dei solari Remedia 

Oleolito_carota

A Remedia anche i solari e i loro filtri (tema ogni anno alquanto controverso) sono totalmente bio-compatibili, perché per proteggere davvero la nostra pelle non dovremmo darle nulla che non si possa anche mangiare!
Remedia ha scelto di chiedere aiuto a Jojoba, Cocco, Sesamo, Germe di grano, Karitè, Carota, Menta, Lavanda, Elicriso, Aloe e Viola tricolor la cui ricchezza in vitamine, enzimi, proteine e minerali, regola l’umidità cutanea, stimola la circolazione sanguigna e le difese naturali della pelle, agendo come rigenerante cellulare con azione naturalmente protettiva, happy-age e antinfiammatoria. La Viola tricolor, da recenti indagini, oltre a stimolare i naturali processi di idratazione della pelle, è utile per donare tono, elasticità e morbidezza. Garantisce alla pelle l'auto-regolazione del processo di idratazione, aumentando la produzione di acido ialuronico e la sintesi di acquaporine, così che il trasporto di acque nel derma sia assicurato e venga migliorata la permeabilità e l'assorbimento dei nutrienti. A fianco degli oleoliti vegetali, Remedia con fiducia ha riposto alcuni rimedi ed estratti floreali quali Iperico, Vervain, Impatiens il cui messaggio penetra attraverso la nostra pelle fino ai corpi sottili, riportando le energie in equilibrio laddove il sole ha troppo impresso il suo potere. Latte aloe e Latte solare titanio, se applicati ripetutamente durante l’esposizione al sole, possono favorire le difese della pelle.

SPF dei solari Remedia

L’olio vegetale o il rimedio floreale diventa un filtro fisico ed energetico quando, nell’incontro con le cellule dell’epidermide, è in grado di potenziarne le difese naturali, rendendole più capaci di far fronte ai rischi dell’esposizione solare. Negli oli di sesamo,di jojoba, di karitè e di cocco, esistono filtri solari naturali, dati principalmnte dalla qualità dell’olio e dalla sua modalità di estrazione, che hanno un valore traducibile in SPF che va da 4 a 10, se applicati con doverosa frequenza. Il massimo della protezione naturale è dato dall’olio di germe di grano SPF 20 e dall’olio di semi di lampone SPF 30-50.

Il biossido di titanio è una polvere bianca di natura cristallina che ha la semplice funzione di riflettere e disperdere fisicamente i raggi solari, creando sulla pelle un leggero film di colore bianco. Nei solari di Remedia quindi il filtro di protezione solare oscilla tra i 3, del Latte Aloe, ai 7, del Latte Titanio.
Ciò significa che la loro applicazione, su una pelle su cui non è stato fatto alcuno scudo solare preventivo, deve essere ripetuta sia nelle ore centrali che in quelle meno centrali, appunto per reiterare il messaggio di stimolo fisico ed energetico.

I super abbronzanti Remedia: Olio solare e Acqua&Olio solare 

iperico_pelle

L'Olio solare si applica sulla pelle già abituata al sole in piccole quantità prima dell'esposizione. L’olio di cocco che, per tradizione, ha sempre protetto le pelli dei popoli che vivono al sole e al mare, è sostenuto in questa formula da Jojoba, Elicriso e Iperico, conosciuti nella nostra cultura mediterranea per alleviare scottature e arrossamenti della pelle. Al loro fianco il mallo di Noce facilita l'abbronzatura e, allo stesso tempo, scherma la pelle dai raggi solari. Infatti protegge l’epidermide dai raggi UVB, ma accellera la melanogenesi indotta dai raggi UVA grazie al complesso naftochinone-cheratina. Gli oli essenziali di vaniglia, sandalo, lavanda e camomilla romana sono antiossidanti naturali che riducono i processi di ossidazione, inducono rilassatezza, freschezza, calma e placano gli eccessi sulla pelle dei soggetti più attivi, modulando il processo di abbronzatura senza togliere intensità al colorito ma, anzi, mantenendo la pelle elastica e morbida. I rimedi floreali Walnut e Chestnut bud imprimono il messaggio di forza, adattamento e flessibilità.

Per i più dinamici è nato invece il formato spray dell’Olio&Acqua solare. Alle qualità dell’olio si uniscono qui le preziose proprietà delle acque aromatiche di Lavanda, Menta e Salvia, che idratano, apportano freschezza, rendono il preparato facilmente applicabile, assorbibile e delicato. Miscelando le due fasi (oleosa e acquosa) si ottiene un'emulsione "estemporanea", la cui applicazione è facilitata dal pratico formato spray e inoltre è resistente all’acqua!

Dopo l'esposizione al sole, per nutrire, lenire e donare ristoro

mano_lavanda

Ricordiamo l’importanza dell’applicazione della crema doposole, utile nei fototipi più delicati anche prima dell’esposizione per mantenere nutrimento e protezione costanti durante l’esposizione. Dopo l'esposizione al sole la pelle ha bisogno di essere "rasserenata", calmata, nutrita e accarezzata, aiutata a mettere in atto i processi riparativi necessari.
Crema doposole composta da cera d’api e oli di Sesamo, Oliva e Jojoba, oleoliti di Iperico, Camomilla ed Elicriso, arricchita da oli essenziali di Lavanda vera, Vaniglia e Citronella, contiene i messaggi dei rimedi floreali di Vervain, Holly, Saint John's Wort. La formula doposole riporta all’equilibrio tutte le manifestazioni che compaiono tipicamente alla fine di una giornata al mare, quando la pelle appare più stanca, secca, arrossata, desiderosa di riparazione, di idratazione, di ritornare alla sua naturale luminosità, accelerando e recuperando al meglio i processi di autoguarigione.

Buona tintarella olistica a tutti!

Rosa Massari