I solari di Remedia permettono di tradurre sulla nostra pelle il desiderio di “prendere il sole” senza farci dimenticare l’atteggiamento di reverenza che è sempre bene mantenere nei confronti di questo poderoso elemento naturale prima, durante e dopo l’esposizione!

Nella formula del Latte Solare Aloe e Latte Solare Titanio sono racchiusi filtri esclusivamente naturali, cioè offerti dalla sola presenza di oli vegetali, idrolati, fiori e oli essenziali capaci di sollecitare e sostenere al meglio le difese della nostra pelle veicolandole tutti i nutrienti, le virtù e i messaggi necessari per autogestire il proprio benessere durante la fatidica e, si spera, olistica, tintarella vacanziera.

 

Latte solare Aloe

Solari_aloe

Per una pelle già abituata all’esposizione solare desiderosa tuttavia di mantenere un buon grado di idratazione e nutrimento: questa è la formula di solare che idealmente la Natura concepirebbe per celebrare l’estate che sembra davvero un inno all’Aloe! La pianta dell’ Aloe ama accrescersi in posizioni luminose, ben soleggiate, a temperature afose, in un ambiente preferibilmente secco!

Dalle sue foglie affettate a listarelle e poste in macerazione in olio d’oliva Remedia prepara l’oleolito,mentre è dalle foglie intere che viene estratto il suo prezioso gel: rinchiuso e protetto dalla verde cuticola, il gel viene liberato praticando una semplice sezione longitudinale che ai nostri occhi scopre parvenze tanto cristalline da evocare quelle del quarzo bianco! E direi che questa visione eccellentemente esprime l’energia del pianeta che governa Aloe: la bianca luna.

Gel di Aloe vera e rispettivo oleolito traducono sulla nostra pelle attitudini caratteristiche di questa pianta davvero sorprendente. Aloe attinge infatti da suoli sabbiosi e aridi l’energia a lei necessaria non solo per sopravvivere e creare dentro di sé umide riserve di vita ma anche per tradurre questa esperienza sulla nostra pelle, regalandole un ottimo grado di idratazione.

Trasmutare la difficoltà in possibilità.. non dimentichiamo il messaggio del fiore di Aloe:

Non mi arrendo mai. C’è sempre un briciolo di vita che può ricostruire altra vita e tanta energia da raccogliere nel cosmo“.

Il costante apporto di vitamine, aminoacidi e sali minerali di Aloe farà si che la nostra pelle si protegga anche dall’azione dei radicali liberi, prevenendo il più possibile fenomeni di invecchiamento. Tali sostanze nutritive aumentano altresì la produzione nel derma di cellule fibroblastiche, dirette responsabili della produzione di collagene. Questo permette alla pelle di non perdere vitalità durante l’esposizione, evitando anche l’insorgenza di macchie solari o altri segni permanenti.

L’azione di stimolo dell’irrorazione sanguigna epidermica svolta dall’Aloe garantisce una migliore ossigenazione degli strati profondi del derma e quindi rende possibile una più rapida espulsione di quelle che possono essere tossine intrappolate: spesso l’insorgenza di macchie solari deriva dalla mancata capacità che la pelle ha di espellere questi carichi tossinici accumulati, a causa dell’uso di cosmetici non propriamente salubri o di alimenti che affaticano il metabolismo epatico.

Questi accumuli, che in carenza di una corretta irrorazione si concentrano e restano intrappolati, originano nel tempo depositi localizzati di pigmenti chiamate macchie solari o macchie epatiche.

 

Latte solare Titanio

Solari_titanio

Per coloro che invece temono i primi raggi di sole, per chi desidera dare alla propria pelle una protezione più ampia, ma anche e soprattutto, per i più piccini, ecco la formula Latte solare Titanio. Il biossido di titanio, o titanio anastasio, farà letteralmente “rimbalzare” i raggi solari dalla nostra pelle. Si tratta di un composto inorganico estratto dal minerale naturale titanio. La natura minerale e cristallina di questo elemento naturale ha un elevato indice di rifrazione solare, superiore a quella del diamante. Questo gli conferisce una capacità intrinseca di respingere i raggi del sole semplicemente creando sulla pelle quel leggero e simpatico film di colore bianco!

Formulazione, posologia e curiosità

Nel caso del Latte Solare Aloe il fattore di protezione solare ha un valore che oscilla tra il 4 e il 5, mentre nel caso del Latte solare Titanio oscilla tra il 7 e l’8, fermo restando che maggiore è la frequenza di applicazione e maggiore sarà la protezione!

L’applicazione della crema o del latte solare deve avvenire ogni 2-3 ore di esposizione al sole, in quantità abbondante. Per ovvie ragioni è salutare non esporsi al sole nelle ore più calde e mantenere sempre un ascolto rivolto alle esigenze della nostra pelle!

Solari_durata

Nella composizione base comune alle due formule di questi latti solari troviamo questi oli: olio di jojoba, sesamo, germe di grano e burro di karitè. Questo perché negli oli di sesamo, jojoba e burro di karitè esistono filtri solari naturali traducibili in SPF che oscillano tra SPF 4 e SPF 9. Ricordiamo che il fattore di protezione che può avere un olio vegetale e il suo mantenimento nel tempo sono garantiti principalmente dalla qualità dell’olio in questione e dalla sua modalità di estrazione, che deve essere fin dall’origine della filiera rispettosa e attenta verso le qualità della materia prima, specie nelle sue frazioni più sensibili a calore e ossidazione… pena la perdita delle qualità racchiuse nell’olio!

L’olio di sesamo, caro alla tradizione indiana, è particolarmente benefico per la pelle, in quanto risulta ricco di antiossidanti e frazioni lipidiche, ha un elevato contenuto di sali minerali e vitamine, con particolare riferimento a vitamina A, vitamina E e vitamine del gruppo B (B1, B2, B3) che permettono di contrastare l’azione dei radicali liberi e prevenire infiammazioni che possono originarsi dall’esposizione solare.

Comune alle due formule anche la presenza di acque aromatiche di Carota, Menta, Lavandino ed Elicriso, quest’ultimo anche in forma di oleolito, ricco in vitamine, enzimi, proteine e minerali che stimolano la circolazione sanguigna agendo come rigeneranti cellulari. Elicriso ha un’azione benefica sulle manifestazioni di tipo infiammatorie che il sole può generare quindi siate previdenti in caso di tendenza all’eritema.

Solari_viola

In entrambe le formulazioni troviamo la Viola tricolor, che non poteva mancare sul podio dei rimedi elettivi ambiti dalla nostra pelle, poiché da ultimi studi condotti si è rivelata molto efficace nella regolazione del processo di idratazione della pelle. Incrementa la produzione di acido ialuronico e la sintesi di acquaporine, indispensabili al trasporto di acqua nel derma, migliorandone la permeabilità e l’assorbimento dei nutrienti.

Solarizzarsi e floripotenziarsi… in una parola Remediarsi! 

Per potenziare energeticamente l’azione di difesa in entrambe le formule dei solari di Remedia vengono aggiunti dei rimedi floreali, i quali rilasciano vibrazioni e messaggi utili alla nostra anima e alla nostra pelle: Impatiens, Vervain e Iperico, Quest’ultimo affiancato dall’omonimo oleolito. Sono i fiori che apportano a livello epidermico capacità di difesa e adattamento infondendo virtù quali riequilibrio, calma e moderazione, confortando il cuore delle nostre cellule epidermiche, specie quando un eccesso di sole può aver impresso troppo calore causando rossore o infiammazione.

Solari_olio

L’Olio Solare si applica su pelli già abituate al sole e ne basta una piccola quantità, magari ripetutamente distesa prima e durante l’esposizione. In questa formula l’Olio di Cocco, Elicriso e Iperico fondono tradizioni esotiche e mediterranee accomunate dal vivere in terre baciate dal Sole! Il Mallo di Noce è presente al loro fianco perché essendo un abbronzante naturale facilita il colorito bronzeo accelerando di fatto i processi di melanogenesi indotta dai raggi UVB*, ma allo stesso tempo protegge l’epidermide dai raggi UVA*. Le note degli oli essenziali rendono prestigio e un’aromatica enfasi: Vaniglia, Sandalo, Lavanda e Camomilla romana dalle spiccate proprietà antiossidanti, sedative, lenitive e rinfrescanti che orchestreranno al meglio in questa sinfonia di erbe il loro comune intento: tingerci di giallo oro, mantenendo la pelle vitale ed elastica come i petali dei fiori nelle nostre temerarie erbe di campo.

Per i più dinamici è nato invece lo Spray Olio e Acqua solare. Alle qualità dell’olio si uniscono qui le preziose proprietà delle acque aromatiche di Lavanda, Menta e Salvia, che idratano, apportano frescura, rendono il preparato facilmente applicabile, assorbibile e delicato. Miscelando le due fasi (oleosa e acquosa) si ottiene un’emulsione “estemporanea”, la cui applicazione è facilitata dal pratico formato spray. Inoltre è resistente all’acqua!

Dopo l’esposizione al sole, per nutrire, lenire e donare ristoro

Ricordiamo l’importanza dell’applicazione della Crema Doposole, utile nei fototipi più delicati anche prima dell’esposizione per mantenere nutrimento e protezione costanti durante l’esposizione. Dopo l’esposizione al sole la pelle ha bisogno di essere calmata, nutrita e aiutata a mettere in atto i processi riparativi necessari.

Solari_dopo

Composta da cera d’api e oli di Sesamo, Oliva e Jojoba, Oleoliti di Iperico, Camomilla ed Elicriso, arricchita da oli essenziali di Lavanda Vera, Vaniglia e Citronella, contiene i messaggi dei rimedi floreali di Vervain, Holly, Saint John’s Wort. La formula doposole riporta all’equilibrio tutte le manifestazioni che compaiono tipicamente alla fine di una giornata al mare, quando la pelle appare più stanca, secca, arrossata, desiderosa di riparazione, di idratazione, di ritornare alla sua naturale luminosità accelerando e recuperando al meglio i processi di autoguarigione.

Buona tintarella olistica a tutti!

*L’abbronzatura è una protezione per il nostro DNA. Quando ci esponiamo al sole la pelle rischia di subire danni alle cellule che rinnovano lo strato esterno dell’epidermide. Come protezione le cellule vicine (melanociti) producono melanina. Anche se siete molto abbronzati sappiate che comunque l’abbronzatura protegge solo dai raggi UVB, cioè dagli stessi raggi che inducono produzione di melanina. Essi sono i primi responsabili delle scottature. Si fermano a livello dell’epidermide e per questo la loro azione è meno rilevante per l’invecchiamento, ma può causare eritemi e ustioni. L’abbronzatura lascia però passare i raggi UVA, che non sono raggi abbronzanti, poiché non stimolano la produzione di melanina. Essi costituiscono la prima causa di danni cutanei a lungo termine, penetrano in profondità e raggiungono il derma, danneggiando le fibre elastiche e il collagene. Possono procurare nel tempo invecchiamento precoce, macchie cutanee, perdita di tono e rughe precoci.